Strumenti Utente

Strumenti Sito


pstops_e_latex

Stampare un libro usando poca carta

Tanti professori rilasciano le loro dispense come grossi file PDF generati con LaTeX, in modo che gli studenti ne possano beneficiare. E questo è bene.

LaTeX di default utilizza margini molto generosi nell'impaginazione di documenti, il che vuol dire che stampare gli appunti del corso di Furbologia Differenziale e Complessa servono un sacco di carta ed un sacco di stampe a disposizione. E questo è male.

Fortunatamente gli studenti, che scemi non sono, hanno capito che si possono stampare gli appunti mettendo due pagine su una, risparmiando carta e stampe. E questo è bene.

Tuttavia i poveri studenti si sono anche accorti, loro malgrado, che in questo modo le scritte diventano minuscole. Questo non solo mette questi disgraziati di fronte al dilemma di dover vedere delle maiuscole minuscole, senza riuscire a raccapezzarsi se dare retta alla forma (e quindi classificare tali lettere come maiuscole) o alla dimensione (e quindi optare per minuscole), ma rende sostanzialmente illeggibili i teoremi, al punto che l'utilità degli appunti diventa piuttosto irrisoria. Non mi servono a niente gli appunti del teorema di Furbini-Stonelli se a leggerli ci metto di più che a dimostrare il teorema da capo. Lo schiaffo morale definitivo arriva con la visione di quei giganteschi margini tutti bianchi ed inutili (è vero che ci si possono scrivere sopra annotazioni, ma preferivamo leggere gli appunti, che erano fatti apposta) che si trastullano nel loro rubare spazio al preziosissimo testo, fonte di conoscenza e sapienza suprema. Questo non solo è male: è proprio malissimo.

Siccome finire una catena di bene-male con male non ci piace, ecco qual è una/la soluzione: pstops. Trattasi di grazioso programma atto a smandruppare in tanti modi diversi file PostScript. L'unica cosa che ci piace poco è che ha una riga di comando quasi più difficile degli appunti che deve smandruppare. pstops vuole su riga di comando una descrizione di come deve modificare il PS, il cui formato (della descrizione) può essere trovato nella pagina man di pstops.

Si può iniziare prendendo il file degli appunti in formato PDF, per esempio furbologia.pdf, e trasformandolo in un PS:

$ pdftops furbologia.pdf

A questo punto si utilizza pstops. Io ho trovato molto utile queste descrizioni delle modifiche, non so se andranno bene anche per i vostri appunti. Se non vanno bene dovete mettervi a leggere la pagina man per capire come funzionano le cose ed a fare tentativi. Questi sono i miei suggerimenti:

$ pstops -pletter "2:0L@.85(22cm,-1.5cm)+1L@.85(22cm,11cm)" < furbologia.ps > furbologia_stampa.ps  # Carta US Letter
$ pstops -pa4 "2:0L@.8(22.7cm,-1.2cm)+1L@.8(22.7cm,14cm)" < furbologia.ps > furbologia_stampa.ps    # Carta A4

Ora date un'occhiata a furbologia_stampa.ps con un qualsiasi lettore PS (gv, evince, kpdf, okular, …) e decidere se vi piace. Se non vi piace, cominciare a lavorare sulla riga di comando di pstops. Se volete ritrasformare il file in PDF, provate con:

$ ps2pdf furbologia_stampa.ps

E buona fortuna con il teorema di Furbini-Stonelli. ;-)

Tra parentesi, ci sono ancora un po' di cose che mi sfuggono nel modo in cui pstops gestisce le dimensioni della carta. Aggiornerò questa pagina quando avrò di più da dire.

Righe celebri

Poiché ricostruire la riga giusta è sempre lungo e difficile, comincio a memorizzare qui quelle che mi hanno funzionato bene in passato.

pstops -pa4 "2:0L@.85(23.4cm,-1.2cm)+1L@.85(23.4cm,13.2cm)" < probabilita_del-vigna.ps > probabilita_del-vigna_stampa.ps

pstops_e_latex.txt · Ultima modifica: 2010/06/09 16:49 da giovanni